• irmed@irmed.it
  • Via della Consortia, 17 - 37127 - Verona
  • Lunedì - Venerdì 08:00 | 18:00
Menopausa e sintomi vasomotori: un legame lungo anni
02/03/2015

Menopausa e sintomi vasomotori: un legame lungo anni

Secondo i risultati di uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine, le vampate di calore e le sudorazioni notturne tipiche del periodo di transizione tra fertilità e menopausa durano per circa sette anni in oltre metà delle donne. «I sintomi vasomotori rappresentano il segno distintivo della transizione menopausale e interessano 8 donne su 10 influenzandone la qualità di vita» spiega Nancy Avis della Wake Forest School of Medicine a Winston-Salem in North Carolina, che sottolinea come nonostante l'importanza di questi sintomi, manchino stime affidabili sulla loro durata.

E proprio per calcolare calcolare tali durate, Avis e colleghi hanno analizzato i dati di SWAN, Study of women's health across the nation, uno studio multietnico che ha coinvolto poco meno di 1.500 donne in transizione menopausale e con frequenti sintomi vasomotori. «I sintomi venivano considerati frequenti se si erano presentati per sei giorni nelle due settimane precedenti» precisa la ricercatrice che valutando i dati raccolti è giunta alla conclusione che la durata mediana di vampate di calore e sudorazioni notturne è di 7,4 anni. «Se i sintomi iniziano in peri-menopausa la durata è maggiore, con una mediana superiore a 11,8 anni, mentre se si manifestano solo dopo la menopausa la durata si riduce e la mediana arriva a 3,4 anni» afferma l'autrice.

Anche l'etnia influenza la durata dei sintomi: quella maggiore si osserva per le donne afro-americane (10,1 anni) seguite dalle ispaniche e dalle bianche non ispaniche (8,9 e 6,5 anni rispettivamente). Chiudono la classifica le donne cinesi e giapponesi, con una durata mediana dei sintomi pari a 5,4 e 4,8 anni, rispettivamente. «Altri fattori legati alla durata dei sintomi vasomotori sono la giovane età, il basso livello di istruzione, una maggiore sensibilità ai sintomi, un maggiore stress percepito e la presenza di ansia o depressione» aggiunge Avis.

«I risultati dello studio suggeriscono l'utilizzo di un approccio personalizzato e informato di assistenza clinica per le donne di mezza età che oggi hanno diverse opzioni per la gestione dei sintomi vasomotori e più opportunità per le decidere assieme agli operatori sanitari quali provvedimenti adottare» scrive in un editoriale di commento Gloria Richard-Davis della University of Arkansas a Little Rock.

JAMA INTERN MED. 2015JAMA INTERN MED. 2015

Cookie

Questo sito web utilizza cookie di terze parti

X - CHIUDI
Questo sito utilizza cookie tecnici anonimi per garantire la navigazione e cookie di terze parti per monitorare il traffico e per offrire servizi aggiuntivi come ad esempio la visualizzazione di video o di sistemi di messaggistica. Senza i cookie di terze parti alcune pagine potrebbero non funzionare correttamente. I cookie di terze parti possono tracciare la tua attività e verranno installati solamente cliccando sul pulsante "Accetta tutti i cookie". Puoi cambiare idea in ogni momento cliccando sul link "Cookie" presente in ogni pagina in basso a sinistra. Cliccando su uno dei due pulsanti dichiari di aver preso visione dell'informativa sulla privacy e di accettarne le condizioni.
Maggiori informazioni