Menopausa e sintomi vasomotori: un legame lungo anni
02/03/2015

Menopausa e sintomi vasomotori: un legame lungo anni

Secondo i risultati di uno studio pubblicato su JAMA Internal Medicine, le vampate di calore e le sudorazioni notturne tipiche del periodo di transizione tra fertilità e menopausa durano per circa sette anni in oltre metà delle donne. «I sintomi vasomotori rappresentano il segno distintivo della transizione menopausale e interessano 8 donne su 10 influenzandone la qualità di vita» spiega Nancy Avis della Wake Forest School of Medicine a Winston-Salem in North Carolina, che sottolinea come nonostante l'importanza di questi sintomi, manchino stime affidabili sulla loro durata.

E proprio per calcolare calcolare tali durate, Avis e colleghi hanno analizzato i dati di SWAN, Study of women's health across the nation, uno studio multietnico che ha coinvolto poco meno di 1.500 donne in transizione menopausale e con frequenti sintomi vasomotori. «I sintomi venivano considerati frequenti se si erano presentati per sei giorni nelle due settimane precedenti» precisa la ricercatrice che valutando i dati raccolti è giunta alla conclusione che la durata mediana di vampate di calore e sudorazioni notturne è di 7,4 anni. «Se i sintomi iniziano in peri-menopausa la durata è maggiore, con una mediana superiore a 11,8 anni, mentre se si manifestano solo dopo la menopausa la durata si riduce e la mediana arriva a 3,4 anni» afferma l'autrice.

Anche l'etnia influenza la durata dei sintomi: quella maggiore si osserva per le donne afro-americane (10,1 anni) seguite dalle ispaniche e dalle bianche non ispaniche (8,9 e 6,5 anni rispettivamente). Chiudono la classifica le donne cinesi e giapponesi, con una durata mediana dei sintomi pari a 5,4 e 4,8 anni, rispettivamente. «Altri fattori legati alla durata dei sintomi vasomotori sono la giovane età, il basso livello di istruzione, una maggiore sensibilità ai sintomi, un maggiore stress percepito e la presenza di ansia o depressione» aggiunge Avis.

«I risultati dello studio suggeriscono l'utilizzo di un approccio personalizzato e informato di assistenza clinica per le donne di mezza età che oggi hanno diverse opzioni per la gestione dei sintomi vasomotori e più opportunità per le decidere assieme agli operatori sanitari quali provvedimenti adottare» scrive in un editoriale di commento Gloria Richard-Davis della University of Arkansas a Little Rock.

JAMA INTERN MED. 2015JAMA INTERN MED. 2015

Cookie

This website uses third party cookies

X - CLOSE
This site uses anonymous technical cookies to ensure navigation and third-party cookies to monitor traffic and to offer additional services such as viewing videos or messaging systems. Without third-party cookies some pages may not work properly. Third-party cookies can track your activity and will only be installed by clicking on the "Accept all cookies" button. You can change your selection at any time by clicking on the "Cookie" link on each page at the bottom left. By clicking on one of the two buttons you declare that you have read the privacy policy and to accept the conditions.
More information